NAVIGA IL SITO

Cavolfiore


Cavolfiore

Il cavolfiore
Considerato una coltura intercalare (può seguire il grano oppure ortaggi quali fava, pisello, carota, lattuga e patata), il cavolfiore (Brassica oleracea) richiede terreni di medio impasto e clima fresco-umido.
Come il broccolo, con il quale viene spesso confuso, si coltiva per la produzione di 'teste', costituite dall'ingrossamento dei peduncoli fiorali, che quando sono maturi si appressano l'uno sull'altro a formare una massa globosa e compatta. Il colore può essere bianco candido, come nella varietà autunnale detta 'Palla di neve', oppure bianco crema.

Proprietà:
il cavolfiore è ricco di vitamina C e vitamina A; è consigliato a chi soffre di anemia.
Inoltre stimola il funzionamento della tiroide ed il suo succo è molto utile in caso di ulcera gastroduodenale e coliti ulcerose.

Un po' di storia
Conosciuto fin dall'antichità, il cavolo (Brassica oleracea) era considerato sacro dai Greci; i Romani lo utilizzavano per curare le più svariate malattie e lo mangiavano crudo, prima dei banchetti, per aiutare l'organismo ad assorbire meglio l'alcool.
Presso le popolazioni marinare, il cavolo (assieme alla cipolla) era l'alimento tipico degli equipaggi delle navi, utilizzato per compensare le diete necessariamente povere durante i viaggi per mare.

Varietà:
Tra le varietà più diffuse, ricordiamo Gigante di Napoli, Tardivo di Fano, Pisano tardivo, Snow Ball, Precoce di Jesi e Precoce Toscano.
Per quanto riguarda l'aspetto nutrizionale, il cavolfiore è ricco di sali minerali (fosforo, potassio e rame), vitamina B ed aminoacidi.

Ricette correlate:

 

Preparare con farina e acqua una pastella non molto liquida, mescolando con la forchetta. Unire le acciughe diliscate ridotte a pezzetti e la cannella (a bacchetta), pestata nel mortaio, ma non ridotta in polvere. A parte sbattere le uova,... Continua »


Lessare il cavolfiore, scolarlo, tritarlo, mescolarlo con besciamella, noce moscata, sale, parmigiano e uova sbattute. Imburrare e infarinare uno stampo, versarvi il composto, cuocerlo a bagnomaria per un'ora circa finché sarà ben rassodato e... Continua »


Mondare il cavolfiore, lavarlo, lessarlo per circa 10 minuti in acqua bollente salata, scolarlo, farlo intiepidire e dividerlo in cimette. Far soffriggere il burro in un tegame, adagiarvi le cimette, salare, pepare, cospargere di noce moscata,... Continua »


Prendete un cavolfiore e levate le foglie e il gambo; lavate in fretta il cavolfiore nell'acqua fredda. A secondo della sua grandezza, prendete la pentola. Metteteci il cavolfiore, 1/4 di tazza di latte ed un cucchiaino di sale. Fate cuocere... Continua »


Mondate la cipolla e tritatela. Pelate l'aglio e schiacciatelo. Mettete aglio e cipolla in una pentola insieme con il passato di pomodoro, l'olio, il vino e il coriandolo. Versatevi 50 cl di acqua. Salate, pepate e aggiungete lo zenzero.... Continua »


Pulite il cavolfiore, lavatelo ripetutamente sotto l'acqua corrente, ponetelo in una pentola piena d'acqua salata bollente, lasciatelo cuocere a calore moderato per 20-25 minuti e scolatelo quando sarà cotto al dente. Intanto preparate una... Continua »


Fate bollire una grande pentola di acqua salata. Dividete il cavolfiore in cimette, lavatele e fatele cuocere in acqua bollente. Nel frattempo, fate fondere 40 g di burro in una casseruola. Cospargete di farina, mescolate per un minuto, poi... Continua »


Sistemare su un piatto da portata rotondo un cavolfiore lesso (meglio ancora al vapore, ma ci vuole un po' più di tempo), circondatelo con un giro di chicchi di mais al naturale e terminate con un ultimo giro di fettine di carote tagliate a... Continua »