Pan di spagna classico

Il pan di spagna è un dolce che fin dal momento della sua creazione ad opera di un cuoco italianissimo, è entrato di diritto nell'uso comune della pasticceria. Versatile e buono, il pan di spagna è un dolce adatto a tutti, grandi e piccoli, ricchi e poveri, più o meno golosi. Il suo aspetto è inconfondibile come il suo gusto: soffice, color dell'oro, delicatamente profumato, morbidamente spugnoso.

Guarda le foto della ricetta

Difficoltà

2

Reperibilità alimenti

2

Tempo di realizzazione

15 minuti

Tempo di cottura

18 minuti


Alimenti

Tecniche

Attrezzature

Ingredienti per 4 persone

250 g di uova intere, 175 g di zucchero semolato, 150 g di farina, 50 g di fecola di patate, 1 bacca di vaniglia

Preparazione "Pan di spagna classico"

Montate molto bene le uova con lo zucchero ed i semi di vaniglia, il composto dovrà essere molto molto spumoso e ben montato.

Se volete facilitarvi il lavoro, utilizzate una planetaria dotata di frusta.

Unite le farine ben setacciate mescolando dal basso verso l'alto cercando di smontare il meno possibile il composto.

Imburrate una tortiera da 22 cm (oppure due da 18 cm) e trasferitevi il composto appena preparato.

Infornate la tortiera a 180°C per circa 18-25 minuti, sfornate la tortiera, lasciatela leggermente intiepidire, quindi sformate il pan di spagna.


Note:

Il periodo dell' Illuminismo italiano fu una parentesi di grandi ed emozionanti scoperte, di passi avanti culturali, di prese di coscienza. In questo contesto nasce la ricetta del pan di spagna ad opera di un cuoco italiano, Giovan Battista Cabona, detto Giobatta. Talentuoso cuoco al seguito della corte di un nobile ambasciatore genovese, Domenico Pallavicini, Giobatta arrivò alla corte del Re di Spagna dove fu esortato dal suo signore a mostrare la sua abilità in occasione di un banchetto reale. Giobatta, partendo dalla ricetta del biscotto di Savoia, finì col creare un dolce mai visto per consistenza e profumo. Ovviamente, chiamò il dolce Pan di Spagna in onore dell'illustre ospite che gradì moltissimo. Da quel momento il pan di spagna entra a pieno diritto nella storia della pasticceria. 

Commenta 32 Commenti Stampa testo Stampa Invia mail
Aiasam Aiasam 31 dicembre 2013 12.04
Nemmeno io uso la fecola, non sapevo si mettesse dentro
Basarte Basarte 31 dicembre 2013 11.37
Perchè la fecola? Io non la metto
cavour160 cavour160 31 dicembre 2013 10.51
Non sapevo la storia del pan di spagna e di Giobatta, grazie per l'aneddoto!
biondina77 biondina77 30 dicembre 2013 15.59
Anche io uso questa ricetta
cloridina cloridina 30 dicembre 2013 15.19
Cook io uso questa ricetta da tanto tempo!
agaragar agaragar 30 dicembre 2013 14.53
Proprio non mi riesce!
tittifaro tittifaro 30 dicembre 2013 11.05
E' una cosa che proprio non mi riesce mannaggia!
Germano Germano 19 dicembre 2013 14.52
mia mamma lo fa bellissimo e altissimo
blumenberg blumenberg 19 dicembre 2013 13.42
troppo buona, amo le cose piccanti ;)
blumenberg blumenberg 19 dicembre 2013 13.19
Ci devo provare, anche se non sono proprio brava con i lievitati
Voto medio (5.00)
Vota