Bastoni di San Giuseppe

Ricetta di sirenadilago

Mettete nell'impastatrice la farina, lo zucchero, il cremor tartaro, le uova e l'olio e fate amalgamare bene il tutto.  Sciogliete 1 cucchiaino di bicarbonato nel succo di 1 limone (attenzione perchè fa molta schiuma, quindi utilizztre un...

Guarda le foto della ricetta

Difficoltà

2

Reperibilità alimenti

3

Tempo di realizzazione

25 minuti

Tempo di cottura

13 minuti


Alimenti

Tecniche

Attrezzature

Ingredienti per 8 persone

1 kg di farina, 500 g zuccchero, 200 g olio di semi di girasole o mais, 5 uova, 300 g di mandorle con la buccia, 100 g di gocce di cioccolato, 50 g di arancia candita, 10 g di cremor tartaro, 1 cucchiaino di bicarbonato, 1 limone

Preparazione "Bastoni di San Giuseppe"

Mettete nell'impastatrice la farina, lo zucchero, il cremor tartaro, le uova e l'olio e fate amalgamare bene il tutto. 


Sciogliete 1 cucchiaino di bicarbonato nel succo di 1 limone (attenzione perchè fa molta schiuma, quindi utilizztre un recipiente un po' alto) e versatelo nell'impasto insieme alla buccia grattugiata del limone. Fate andare ancora l'impastatrice per amalgamare il composto.


Nel frattempo tritare grossolanamente le mandorle.


Tritate anche la buccia dell'arancia candita

Aggiungete all'impasto le mandorle, i canditi e le gocce di cioccolato e impastare bene il tutto.


Prendete dei pezzi di impasto e fatene dei rotolini larghi più o meno quanto un dito.

Tagliate dei bastoncini lunghi, più o meno, 5 - 6 cm.

Mettete i bastoncini sulla placca del forno rivestita di carta da forno, distanziandoli perchè in cottura si allargano.

Infornate in forno già caldo a 160°C ventilato per 7 - 8 minuti (oppure 180°C statico per 12 - 13 minuti).

Non devono scurire troppo, altrimenti diventano secchi.


Quelle sopra sono le ciambelline che ha voluto fare Matteo.

Con queste dosi sono venuti 200 biscotti circa.


Note:

La ricetta prevede l' utilizzo dell'impastatrice per impastare ma si può tranquillamente impastare a mano.


Se non trovate il cremor tartaro potete sostituirlo con la stessa quantità di lievito per dolci.


Questi biscotti sono tipici di Taranto.


Si conservano a lungo in una scatola di latta.


Da provare anche intinti in un bicchiere di vin santo.

Voto medio (0.00)
Vota