Questo sito contribuisce alla audience di

Primi piatti

Cookaround

/5

Cacio e pepe

Cacio e pepe, che dire di più? Due parole che già si bastano e ci bastano per capire di quale squisitezza stiamo parlando. Cacio e pepe, niente di più e niente di meno, la semplicità in un piatto! Ma non tutte le cose che sembrano semplici lo sono davvero, infatti, per realizzare una cacio e pepe davvero strepitosa, cremosa e realizzata a regola d'arte bisgna conoscere qualche trucchetto.

Si, perchè, tutti sanno fare una sorta di cacio e pepe, ma la vera cacio e pepe, quella con la cremina realizzata solo con il formaggio, non tutti la sanno fare. Da oggi, invece, ci riuscirai alla perfezione anche tu e lascierai di stucco tutti i tuoi commensali perchè una cacio e pepe così davvero non l'avranno mai e poi mai mangiata!

Ti chiederanno il bis ed il tris e vorranno conoscere tutti i segreti di quel favoloso piatto e voi potrete rispondere semplicemente: è semplice basta seguire la ricetta su cookaround.

Cacio e pepe

Dosi & Ingredienti

  • Dosi per 4 persone
  • Difficoltà bassa
  • Preparazione 10 min
  • Cottura 12 min
  • Costo basso
  • Reperibilità Alimenti molto facile
  • AGGIUNGI AL TUO RICETTARIO
  • Spaghetti 400 gr
  • Pecorino romano 200 gr
  • Pepe nero in grani pestato - 2 cucchiai da tavola
  • Sale q.b.
  • Attrezzature

  • Pentola / Zuppiera

Preparazione

  • 1

    Per preparare una cacio e pepe come Dio comanda dovrete partire dal pepe, che deve essere rigorosamente in grani. Raccogliete i grani di pepe in un mortaio e pestateli con il pestello con energia e con un movimento rotatorio più che verticale.

    Il pepe sarà pronto quando sarà ridotto in una polvere grossolana, proprio come indicato sotto nella foto.

    Cacio e pepe Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 2

    Trasferite il pepe pestato in una padella molto ampia che successivamente dovrà contenere anche tutta la pasta per terminare la cottura. Accendete il fuoco e lasciate tostare il pepe.

    Cacio e pepe
  • 3

    Nel frattempo portate ad ebollizione una pentola d'acqua, aggiungete del sale grosso e tuffatevi gli spaghetti.

    Cacio e pepe Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 4

    Dopo un paio di minuti di cottura della pasta, quando nell'acqua inizierà ad affiorare la schiumetta bianca che altro non è che l'amido, trasferite un bel paio di mestoli d'acqua bollente della pentola nella padella con il pepe e lasciate che il pepe si sciolga leggermente.

    Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 5

    Dunque, ora è il momento del pecorino: riunite il pecorino in una ciotola di vetro e aggiungete poca acqua per volta fino a che non otteniate una sorta di pasta consistente. Noi abbiamo usato pecorino romano al 100%, chi non amasse il sapore troppo forte del pecorino potrà smezzarlo con il parmigiano gattugiato anche se si travisa un po' il senso e le origini della cacio e pepe. L'importante è che il parmigiano sia anch'esso abbastanza stagionato poiché se troppo fresco, tenderà a fare la palla e a filare nel momento in cui andrete a mantecare il piatto.

    Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 6

    A due minuti prima del termine della cottura, scolate gli spaghetti e trasferiteli nella padella con il pepe e concludete la cottura degli spaghetti aggiungendo, se necessario, un altro mestolo d'acqua bollente.

    Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 7

    A cottura al dente degli spaghetti, spostate la padella dal fuoco e lasciate intiepidire giusto una decina di secondi. A questo punto aggiungete il composto di pecorino e fate mantecare saltando gli spaghetti e smuovendoli velocemente. Vedrete che per magia si formerà una bella cremina che avvolgerà i vostri spaghetti in modo omogeneo.

    Cacio e pepe Cacio e pepe Cacio e pepe
  • 8

    A questo punto non vi resta che servire la cacio e pepe nei piatti, ancora ben calda e cremosa nonchè bella carica di pepe. 

    Cacio e pepe Cacio e pepe Cacio e pepe

Consiglio

  • Voi avete usato gli spaghetti, ma non sono meglio i bucatini?

    Si, si possono usare anche i bucatini anche se quelli sono usati, per antonomasia, per l'amatriciana. La ricetta originale prevede l'utilizzo dei tonnarelli ovvero spaghettoni all'uovo, ma ciascuno può usare il formato di pasta che predilige addirittura si possono usare anche i maccheroni.

    Il formaggio che bisogna usare è il pecorino, ma quale?

    Il pecorino usato è pecorino romano grattugiato, mi raccomando per questa ricetta deve essere pecorino romano e preferibilmente ben stagionato per facilitare la formazione della tanto desiderata cremina.

Guarda anche