DonnaModerna
Secondi piatti

Cookaround

/5

Cassoeula

La cassoeula, un vero classico lombardo: uno stufato di carne di maiale e verza che rimanda la memoria a quando, una volta macellato, il maiale andava ad arricchire le tavole festose delle famiglie lombarde.

Ricca e pesante per antonomasia, non è cassoela se riuscite a digerirla in meno di un paio di giorni...ma tradizione è tradizione e va tramandata tal quale! E se amate le ricette tipiche del Nord Italia, vi invitiamo a provare anche la ricetta del famosissimo ossobuco alla milanese, buonissimo!

Cassoeula

Dosi & Ingredienti

  • Dosi per 8 persone
  • Difficoltà media
  • Preparazione 20 min
  • Cottura 60 min
  • Costo medio
  • Reperibilità Alimenti media
  • AGGIUNGI AL TUO RICETTARIO
  • Verzini 1 kg
  • Costine di maiale (spareribs) 1 kg
  • Cotenna di maiale 150 gr
  • Lardo di maiale 100 gr
  • Cavolo verza 1
  • Passata di pomodoro 250 gr
  • Sedano 1 costa
  • Carote 1
  • Cipolle 1
  • Olio extravergine d'oliva (EVO) 4 cucchiai da tavola
  • Sale q.b.
  • Per servire

  • Farina di mais giallo 1 kg
  • Acqua 4 l
  • Sale q.b.
  • Attrezzature

  • Coperchio / Griglia / Pentola / Pentola di rame / Pirofila / Tritatutto

Preparazione

  • 1

    Per preparare una cassoeula perfetta dovrate partire dalla preparazione del classico soffritto: un trito di sedano, carota e cipolla al coltello o avvalendovi dell'aiuto di un tritatuttto.

     

    Cassoeula Cassoeula
  • 2

    Scaldate un bel fondo d'olio extravergine d'oliva in una pentola possibilmente di rame e fatevi soffriggere il trito di verdure fino a che non risultino appassite e leggermente dorate. Attenzione a non bruciarle, quindi state nei paraggi mentre le verdure soffriggono!

     

    Cassoeula Cassoeula
  • 3

    Tritate il lardo al coltello ed unitelo al soffritto. Nel frattempo dividete i verzini e bucherellateli con la punta di un coltello, quindi uniteli alla pentola per farli rosolare uniformemente.

     

    Cassoeula Cassoeula Cassoeula Cassoeula
  • 4

    Dividete le costine di maiale e unite anch'esse alla pentola per farle rosolare.

    Tagliate a pezzettini anche la cotenna a unitela agli altri ingredienti a rosolare in pentola.

    Cassoeula Cassoeula Cassoeula
  • 5

    Mentre il tutto rosola in pentola, sfogliate la verza, lavatela ed appiattite le foglie battendo la nervatura con il coltello di piatto.

    Cassoeula Cassoeula
  • 6

    Quando tutta la carne in pentola è ben rosolata, aggiungete la passata di pomodoro e mescolate per amalgamare bene gli ingredienti; salate adeguatamente.

    Cassoeula Cassoeula
  • 7

    Disponete le foglie di verza nella pentola come fossero tanti coperchi. Coprite con un coperchio e lasciate cuocere per almeno 40 minuti o fino a che la verza non sia completamente appassita e la carne non sia cotta a dovere.

    Cassoeula Cassoeula
  • 8

    Nel frattempo avrete portate a bollore quattro litri d'acqua debitamente salata, versatevi un chilo di farina di mais a pioggia e fate cuocere la polenta per circa 45 minuti.

    Cassoeula Cassoeula
  • 9

    Una volta cotta, trasferite la polenta in una pirofila, livellatela bene e lasciatela freddare cosicché assuma una forma regolare.

    Smodellatela dalla pirofila e tagliatela in fette che andrete a grigliare su di una griglia in ghisa rovente.

    Cassoeula Cassoeula Cassoeula Cassoeula
  • 10

    Servite la cassoela a piacere con la polenta appena fatta o grigliata.

     

    Cassoeula

Consiglio

  • Me ne è avanzata una pozione, posso mangiarla il giorno dopo?

    Certo, lasciala in frigorifero in un contenitore ermetico.

    Con cosa posso sostutuire la polenta?

    La polenta sarebbe fondamentale, ma se proprio non ti piace puoi utilizzare dei semplici crostini di pane.

    Essendo un piatto particolarmente pesante, c'è modo di renderlo un po' più leggero senza snaturarne le caratteristiche?

    Allora, qui si apre una diatriba lunga quanto è lunga la storia di questo piatto. In epoca moderna, con la necessità di alleggerire certi piatti, in alcune famiglie è previsto che i verzini siano dapprima sbollentati o rosolati a parte in modo tale che il grasso eccessivo si disperda, rendendo il piatto un po' più leggero...ma mica tanto poi, infondo. Il rischio è quello di fargli perdere sapore...noi siamo per mantenere la ricetta tal quale, magari mangiandone un po' di meno e riducendo le volte che si prepara nell'arco di un anno.

Guarda anche