Antipasti e snack

Cookaround

/5

Gnocco fritto senza strutto

Lo gnocco fritto è una specialità tutta emiliana di cui esistono molte varianti, a seconda della città in cui ci si trova: nella zona di Ferrara si trovano i pinzini, per esempio, mentre nel reggiano si può assaggiare la versione con i ciccioli! Noi vi spieghiamo come preparare lo gnocco fritto senza strutto, un’alternativa altrettanto gustosa alla ricetta classica, realizzata con olio di semi. Per gustarlo al meglio è indispensabile servire lo gnocco fritto senza strutto appena fatto, accompagnandolo ovviamente con salumi e formaggi, proprio come vuole la tradizione!

Cercate un’alternativa alla frittura? Provate lo gnocco al forno oppure le tigelle, tipiche di Modena, perfette come antipasto.

Gnocco fritto senza strutto

Dosi & Ingredienti

  • Dosi per 8 persone
  • Difficoltà bassa
  • Preparazione 30 min
  • Cottura 20 min
  • Costo molto basso
  • Note: 30 minuti di riposo dell'impasto
  • Farina 0 500 gr
  • Acqua 220 gr
  • Olio di semi di girasole 50 ml
  • Zucchero 1 pizzico
  • Sale 1 cucchiaio da tè
  • Lievito per torte salate 2 cucchiai da tè
  • Olio per friggere 1 l

Preparazione

  • 1

    In una terrina unite la farina setacciata, il sale e lo zucchero. Aggiungete anche il lievito per preparazioni salate e mescolate le polveri.

    Gnocco fritto senza strutto Gnocco fritto senza strutto
  • 2

    Aggiungete l’acqua e iniziate a mescolare con un cucchiaio.

    Unite anche l’olio e lavorate con le mani inizialmente dentro la ciotola.

    Trasferite il composto sul piano da lavoro infarinato e impastate fino ad avere un impasto liscio ed omogeneo.

    Coprite con un panno e lasciate riposare per almeno 30 minuti.

    Gnocco fritto senza strutto Gnocco fritto senza strutto
  • 3

    Trascorso il tempo di riposo stendete la pasta con il mattarello il più possibile sottile.

    Tagliatela prima a strisce e poi a losanghe.

    Gnocco fritto senza strutto Gnocco fritto senza strutto
  • 4

    Mettete a scaldare l’olio per la frittura. La temperatura sarà ottimale quando, mettendo uno stuzzicadenti nell’olio si formeranno delle bollicine.

    Immergete poche losanghe per volta e giratele a metà cottura.

    Scolate su carta assorbente e servite lo gnocco fritto senza strutto ben caldo.

    Gnocco fritto senza strutto Gnocco fritto senza strutto

Conservazione

  • Le crescentine senza strutto una volta cotte vanno servite subito ben calde.

    Si può mantenere l'impasto in frigorifero per un giorno, avvolto nella pellicola.

Consiglio

  • La ricetta classica prevede lo strutto: potete utilizzarlo nella stessa quantità dell’olio. In alternativa potete utilizzare anche il burro, sempre nella stessa dose.

Guarda anche